D segni, D gressioni, D vagazioni, contra D zioni.

Buon D vertimento.

martedì 8 aprile 2008

E’ utile il voto ai grossi partiti?

Le scorse elezioni mi hanno visto infastidito. C’erano due grosse coalizioni e due candidati. Sinceramente non mi piaceva nessuna delle due cose.

Ma comunque il voto è un diritto che va esercitato, per cui non se ne parlava di non votare. L’unico modo perché il non-voto sia una soluzione è l’eventualità che non lo faccia nessuno, ma proprio nessuno. Come messaggio di rottura, per dire “Basta, ci avete stufato, non ci prestiamo al vostro gioco!”. Ma è alquanto impossibile che si verifichi una situazione del genere, i candidati, i loro parenti, gli sfegatati di partito, coloro a cui è stato promesso un favore voterebbero comunque per cui il messaggio di rottura diventa un’utopia.

Non sapevo proprio per chi votare, non ero contento in nessuno dei due casi del mio voto e delle persone che avrei favorito.

Se non sbaglio democrazia vuol dire più o meno “potere del popolo” e il popolo è un insieme di persone che è svilente racchiudere soltanto in due tronconi, è quasi “robotico”.

Scegli A o B. Punto. Ma a me piacerebbe una bella F! A quale delle due assomiglia di più la F alla A o alla B?!...nessuna delle due.

Non dico dalla A alla Z ma già fino alla E, tra cinque alternative ce ne sarà una che si avvicina un po’ di più alle mie idee!

Quest’anno invece sono contento, non ci sono troppi ammucchiamenti coatti e si vedono delle facce nuove alcune anche piuttosto agguerrite. Finalmente! Certo, nessun partito corrisponderà mai in pieno alle idee di ognuno ma qualcuno con cui condividerne una parte c’è.

C’è qualche argomento nuovo, figlio del realismo, delle conseguenze delle situazioni attuali, e ci sono i vecchi bla bla bla di un gruppo di persone chiuso da vent’anni in un mega-hotel 5 stelle extra-lusso che a colpi di dispettucci e “Io con te non ci gioco più!” si diverte a passarsi la palla in un gioco di cui non conoscono minimamente le regole.

L’ultimo slogan è che il voto dato ad un altro partito che non sia grosso è un voto inutile.

Allora mi viene da dire che per dare il diritto di voto a chiunque di noi delle persone hanno dato la vita lottando contro altre che miravano a conservare il potere (più o meno come un grosso partito che non vuole se ne votino altri?!) negando un diritto basilare, quindi un voto non è MAI inutile.

Mi viene da chiedermi anche con quale arroganza qualcuno decida prima dei giochi chi vince e chi perde?!

Mi viene la tristezza pensando come, già da questi particolari, delle persone che dovrebbero governare un insieme eterogeneo di cittadini dimostrino scarso rispetto delle minoranze.

Mi viene rabbia perché non posso non chiedermi: ” Ma come ti permetti di voler comandare anche le mie idee?”.

E prende forma un’altra domanda: “E’ più utile dare il mio voto a persone chiuse nel loro mondo, senza nessun contatto con una realtà che non hanno mai vissuto, che da vent’anni si alternano promettendo il paese delle meraviglie in campagna elettorale per poi lasciare tutto com’è o darlo a persone nuove, che propongono con forza idee nuove, che non si inventano ogni giorno un nuovo spot ma hanno programmi chiari sin dall’inizio?!”

Voto per la seconda opportunità. Anche solo per togliere la spocchia a chi si gingilla nella sicurezza di trovarsi in un partito forte, per dirgli: “E’ ora che ti dai da fare veramente, se no fatti da parte.”

D’altronde non si dice spesso che la politica è vecchia e che sarebbe ora che si vedessero facce nuove?!

Paura di disastri da parte di persone inesperte?! Di fronte a questo dubbio mi chiedo: “ L’attuale stato delle cose è prospero?!”.

Che cosa può cambiare nel continuare a votare le stesse persone che finora non hanno portato a nessun cambiamento ed a dispetto di ciò si propongono come portatori di novità?!

Il mio voto non sarà inutile, io non voterò un grosso partito.



18 commenti:

silvio ha detto...

MI trovi completamente d'accordo. Il voto inutile non esiste, e forse è il momento giusto per dare forza ai piccoli partiti ma che hanno idee grandi, voglia di fare, presentando persone che vivono i problemi quotidiani che vive un cittadino qualunque.

ilpiccoloLord ha detto...

è retorico, lo so, ma il voto è un diritto e un dovere, il suo esercizio è LIBERO. Purtroppo chi parla di voto utile è proprio chi crea un partito (? coalizione? cartello elettorale? presa per il c*lo?) dove la parola libertà viener usata solo nelle bandiere, dimenticando il vero valore delle parole. E delle azioni.

un saluto,
ilpiccoloLord

Gianluca Pistore ha detto...

proprio per questo bisogna votare PER IL BENE COMUNE candidato premier Steano Montanari.

www.perilbenecomune.net

www.stefanomontanari.net

buon lavoro, buon voto.. ciaooooo

Bulgakov ha detto...

Forse questa potrebbe essere una buona risposta

http://www.youtube.com/watch?v=MGzIWd17vN0

D ha detto...

Ciao Silvio, magari.
L'impatto mediatico dei grossi partiti è inarrivabile, oltre al trattamento di favore di chi concede spazietti risicati ai partiti più piccoli con malcelata noia ed espressione divertita da chi si sente superiore ed autorizzato a prendere in giro. Forse proprio la diffusione di internet stavolta potrebbe giocare un ruolo importante: sarebbe interessante!

Ciao piccolo Lord, meglio retorica che demagogia. Sorvolo sul circolo di Tresette (con tutto il rispetto per il Tresette) che credo tu stia indicando. In tema con le tue parole c'è il mio post "Alla ricerca della libertà". A presto.


Ciao Gianluca, grazie, avevo già consultato il sito e sto seguendo il dibattito elettorale. Buon lavoro a te.

D ha detto...

Benvenuto Bulgakov,

grazie per la segnalazione: il video è simpaticissimo ed intelligente.

Ciao

Melina2811 ha detto...

Secondo me alla fine saranno decisivi i partiti come udc e sinistra arcobaleno al senato... penso infatti che ne Veltroni e nè tantomeno Berlusconi ce la faranno al Senato. Maria

D ha detto...

E' possibile Maria, hai ragione.

LuCa ha detto...

Oltre al fatto che sono d'accordo con te (sono IO libero di decidere cosa è utile e cosa no, non un nano pelato disperato che ha urgente bisogno di voti!! il pensierò è MIO e la libertà anche!!)
volevo ringraziarti tanto per il premio!! è stato molto bello da parte tua..come da regolamento ho nominato i miei due blog più fidati!
ciao D!!

Luca

Peppe ha detto...

Io ho un sospetto....se andrà come la volta scorsa... non credo molto a quelli che dicono che non appoggeranno nessuno... mah, staremo a vedere....Ciaoooo

èrri ha detto...

Ciao d,
fai benissimo a votare un piccolo partito se questo rispecchia le tue idee. Nemmeno io condivido e non ho mai condiviso la logica del voto utile.

Comunque, io sono deluso anche dai piccoli partiti.
Molti di coloro che li compongono sono aggueriti solamente adesso, perché hanno perso la poltrona dopo svariate legislature in parlamento e cercano in tutti i modi di superare la soglia di sbarramento.

Tutti quanti i leader dei piccoli partiti sostengono di portare aventi i valori della destra, della sinistra o del centro.
Ma in precedenza cosa facevano? Portavano avanti le loro attuali posizioni?

Mi sento tradito dalle due grandi formazioni e imbrogliato dai piccoli partiti.

Per questi motivi deciderò solo all'ultimo che cosa fare della mia scheda elettorale.

Scusami se sono uscito un pò fuori tema ma sono un elettore frustrato!

D ha detto...

Eh no LuCa, adesso esageri: libertà, pensiero, decisioni... non può essere tutto tuo se no il nano pelato disperato si incavola e ti dice che gli copi il programma!

A parte scherzi, grazie a te! Ciao



Ciao Peppe, sicuramente i tuoi sospetti non sono infondati, dai soliti noti le solite alleanze me le aspetto. Dei soliti ignoti staremo a vedere chi e quanto ci deluderà.
Si accettano scommesse, senza soldi naturalmente, potrebbe essere un giochino divertente.

Ciao

D ha detto...

Ciao Erri,

è più che comprensibile la tua delusione e non sei uscito affatto fuori tema.

E non hai torto neanche a dire che molti di coloro che fanno parte di piccoli partiti sono persone già viste che hanno perso la poltrona.

Per vedere le cose in maniera ottimista, magari, si cerca di apprezzare il fatto che alcuni di questi hanno portato in prima linea con loro facce diverse con argomenti da dare, giusti o sbagliati che siano.

Se non altro è meglio del continuo ripresentare il solito clown (scusatemi clown, non voglio offendervi) con cagnolini al seguito o girare la ruota per vedere quale delle solite facce dovrà vestirsi da personaggio nuovo per fargli da antagonista.

In fondo, come ho scritto, il voto è un diritto e non votare comunque non produrrebbe effetti. Per cui...si cerca di fare del proprio meglio...

A presto.

Finazio ha detto...

Neanch'io.

D ha detto...

Ciao Finazio, bene, allora per lo meno in due lo saremo. E' già qualcosa...

LauBel ha detto...

secondo me nessun voto è inutile e chi lo sostiene non è affatto "democratico"; anche io sono rimasta stupita del ventaglio di proproste che ci stanno passando sotto gli occhi... la scelta è ardua ma, se davvero si vuole cambiare (o almeno provarci) qualche soluzione c'è... incrociamo le dita!

D ha detto...

Ciao Laubel, sottoscrivo e...dita incrociate!

Dapdudida ha detto...

certo l'importante è partecipare..
ma che senso dare il proprio voto quando le elezioni sono truccate?
Non è indispensabile fare dei brogli per truccare le elezioni..
basta possedere il monopolio dei media in assoluto più influenti..
non puoi vincere una corsa di auto se il tuo avversario gareggia con una ferrari e tu con una 127.. ma puoi partecipare se vuoi.. quindi, L'importante è partecipare.

forse le prossime elezioni saranno meno false.. fra qualche anno internet potrà avere una qualche influenza sul pensiero del paese.. per ora chi le informazioni se le cerca è una mosca bianca.. un paio di milioni di persone fanno lo sforzo di farsi una idea propria.. gli altri si lasciano imboccare dai vari tg e tribune elettorali che tutto sono fuorchè libere o pluraliste.
ciauz